29 marzo 2020
 
Pagina Principale
Missione
Sociale
Eventi
Archivo Articoli
Multimedia
Contatti
Chi Siamo
Un Msg per te
Studi
 Articolo  
 
 
  Ricerca in MPN
   
   
  FlashEventi
 
  In Video
Al Sublime - Daniela Lombardo
 
Daniela Lombardo - Tu non mi lasci mai (Tratto dall'album AL SUBLIME)
 
Ron Kenoly - Jubilee
 
  MpnSystem
 
utente

password
   
   
 
  La potenza del perdono
1 luglio 2013
 
Share |
   
La potenza del perdono
1 luglio 2013
Ogni persona che vuole veramente trovare la pace e la libertà per manifestare i propri sentimenti, deve affrontare il passato doloroso e liberarsi di questo. Eventi traumatici, rifiuti, abbandoni, mancanza d’amore, violenze subite ed insulti di vario genere, hanno lasciato un seme di amarezza nel nostro cuore che, con il passare degli anni, ha messo radici e si è sviluppato al punto da soffocarlo e indurirlo. Se l’essere umano non conosce la potente chiave del perdono, può cadere facilmente nella trappola dell’amarezza, perdere la pace e la capacità di amare.

TUTTO COMINCIA CON UN’OFFESA
“Offesa” deriva dalla parola greca skandalon e significa trappola, inciampo o inganno. Nel passato si usava questa parola per descrivere un’esca.
Se hai ricevuto qualche offesa e questa ti ha fatto male al punto di farti prendere la drastica decisione di non perdonare o di vendicarti, sei caduto nella trappola dell’offesa.

CONSEGUENZE DELLA MANCANZA DI PERDONO
La mancanza di perdono genera conseguenze dannose per il nostro essere:
Pensieri di vendetta. Quando una persona è ferita, ha la tendenza ad emettere giudizi e parole di ira contro chi lo ha offeso. Comincia a pensare a come vendicarsi e spesso decide di allontanarsi totalmente dalla persona che le ha provocato dolore.  
Chiusura sentimentale. Quando una persona è ferita tende a chiudersi in se stessa, si nasconde dietro una barriera di protezione e chiude il proprio cuore alle relazioni, perché non ha più fiducia in nessuno. Questo genera isolamento.

PERCHÉ DEVI PERDONARE?
Perché il perdono è una fonte di guarigione. È provato scientificamente che molte delle malattie che si manifestano nel nostro corpo e nella nostra anima, sono collegate alla mancanza di perdono.
Perché Gesù lo ha fatto. Gesù ha sofferto tremendamente senza avere alcuna colpa. Come si sentì Gesù quando Pietro lo rinnegò, quando Giuda lo tradì e quando fu condannato senza motivo? La risposta di Gesù fu: “Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno”.
Ogni cristiano che segue sinceramente le orme di Cristo deve fare del perdono uno stile di vita. Chi perdona è in armonia con Dio, perché Dio perdona (Efesini 4:32).

CHI DEVI PERDONARE?
Te stesso. Molti non riescono a perdonare se stessi a causa del male che si sono causati o delle ferite che hanno inflitto ad altri. Da oggi non dovrai più convivere con sentimenti di colpa o condanna perchè Dio desidera liberare il tuo cuore da questi pesi. Dio ti perdona e dimentica. Decidi di perdonare te stesso (Salmo 130:3-4).
Gli altri. Ci sarà sempre qualcuno che, volontariamente o involontariamente, ferirà la tua persona o chi ti sta vicino, ma tu devi fare del perdono uno stile di vita.
Dio. Forse a causa di qualche evento drammatico e doloroso della tua vita hai nutrito rancore nei confronti di Dio e hai chiuso la porta del tuo cuore. Se questo è successo, dovrai cercare la causa della tua sofferenza altrove, perché Lui non agirà mai per farti del male. Dio è tuo Padre, riapri quella porta.

IL VERO SIGNIFICATO DEL PERDONO
Perdonare significa cancellare un debito ad un debitore. Attraverso il perdono restituiamo la libertà alla persona che ci ha offeso o che ci ha causato un danno e nel lasciarla andare troviamo anche la nostra libertà.
Il perdono più che un sentimento è una decisione. L’approccio corretto al perdono è: Decido di perdonare perché questo porterà beneficio a tutto il mio essere. Decido di perdonare perchè questo è quello che Cristo mi ha insegnato. 

Se dici: Perdonerò quando mi sentirò di farlo! Non sarai mai pronto per farlo. Quando decidi di perdonare, sarà Dio che ti darà la forza per farlo e allora sarai libero: forse non dimenticherai, ma il ricordo non ti farà più alcun male.   

Il perdono non è un segno di debolezza, ma di forza. Decidi di perdonare. Ritrova la tua libertà. 

   
Missione Parola alle Nazioni
info@mpnsystem.org
Copyright 2010 - Italy
Powered by Fortress Tech